Menu

Italian English French

Il Vermentino della Costa degli Etruschi

Il Vermentino della Costa degli Etruschi

Un vino pieno di storia

Un territorio fatto di colline, mare e antichi borghi. Siamo a Castagneto Carducci, in Provincia di Livorno, nel cuore della Costa degli Etruschi, in quella che un tempo fu la culla della civiltà omonima.
Il percorso eno-turistico che, insieme a La Strada del Vino e dell'Olio Costa degli Etruschi, proponiamo, invita visitatori e turisti, curiosi ed autoctoni a scoprire le aziende agricole che producono vino Vermentino attraverso le eccellenze turistiche, ricettive e gastronomiche locali. Visitando le cantine segnalate da La Strada del Vino e dell’Olio, nei tre itinerari sotto indicati e pensati per ogni esigenza ed interesse, avrete l'occasione di incontrare, conoscere e degustare non soltanto vini rossi dal carattere e una personalità unica, ma anche bianchi freschi e passiti intensi e profumati, creati per essere abbinati ai piatti della tradizione: dall’olio extravergine di oliva al miele, dal pane fatto in casa e cotto nel forno a legna ai formaggi, dai salumi alle conserve.
A questo punto, non ci resta che auguravi buona lettura e buona degustazione!

Itinerario Carducciano

L’itinerario parte dal Viale dei Cipressi, inizialmente uno stradone sterrato affiancato da due filari di pioppi che vengono poi sostituiti dai cipressi. Attualmente sono presenti più di duemila cipressi, la strada è lunga quasi 5Km e collega l'Oratorio di San Guido, che sorge lungo la via Aurelia, allo scenografico centro storico di Bolgheri. Il luogo è stato reso celebre da Giosuè Carducci, che per molti anni visse in questa zona, nel famoso componimento poetico "Davanti San Guido": I cipressi che a Bolgheri alti e schietti van da San Guido in duplice filar. L’occasione che permette al Carducci di rivedere i cipressi del viale che collega l’antica via Emilia al paese di Bolgheri è un viaggio in treno da Roma a Livorno nel 1873. La vista dei cipressi porta il poeta a ripercorrere con la memoria il periodo felice della sua fanciullezza. Proprio per commemorare Carducci, nel 1908 Giuseppe Della Gherardesca fa innalzare un piccolo obelisco all'inizio del viale, nei pressi dell'Oratorio di San Guido.
Percorrendo tutto il Viale dei Cipressi si arriva a Bolgheri, suggestivo borgo dall’esemplare armonia architettonica dove il poeta trascorre la sua felice infanzia dal 1838, quando il padre Michele ottiene la licenza di medico nella Contea di Donoratico fino al 1848. Carducci nelle sue poesie descrive spesso i personaggi e la vita del piccolo borgo a lui tanto caro. Luogo di grande suggestione circondato da botteghe artigiane, ristorantini ed enoteche merita di essere visitato.
Attraversando la Via Bolgherese immersa tra filari di viti, olivete e cantine, possiamo sostare per degustare un calice di vino, spostandosi su una strada parallela sulla destra, presso La Cerretella (Azienda Agricola La Cerretella di Bianchi Michela‎, Loc. La Cerretella, 219 - 57022 Castagneto Carducci LI, 338 972 9890, cerretella.it)‎, Le Novelire (Azienda Agricola Le Novelire di Pacchini Claudia‎, loc. campo alla capanna 216 - 57022 Castagneto Carducci LI, 0565 763740, lenovelire.it‎) e Fornacelle (Azienda Agricola Fornacelle‎, Loc. Fornacelle, 232/a - 57022 Castagneto Carducci LI, 0565 775575, fornacelle.it‎).
Proseguendo si giunge a Castagneto Carducci, che fino al 1907 si chiama Castagneto Marittimo, nome che muta nell’attuale in onore del poeta dopo la sua morte. Nel paese Giosuè Carducci è ospite dal 1848 nel palazzo della famiglia Espinassi Moratti dove oggi ha sede la Casa Carducci aperta al pubblico e dove il poeta tornò per brevi soggiorni anche quando ormai è celebre ed affermato. Nel palazzo Comunale ha sede il Museo che conserva i cimeli carducciani e che è sede anche del Parco Letterario intitolato al poeta. Caratterizzano il Parco alcuni itinerari legati alla vita e alle opere del Carducci, così come ai paesaggi che egli cantò. Dopo essersi goduti il paese di Castagneto Carducci tornando sulla Via Bolgherese, verso Bolgheri, a fine giornata è possibile godersi un ottimo aperitivo presso il Podere Giovanni e Grattamacco (Azienda Agricola Grattamacco‎ Loc. Grattamacco 129 - 57022 Castagneto Carducci LI) dalla cui collina di può godere di un invidiabile tramonto.

Itinerario eno-gastronomico

L’itinerario parte dal Viale dei Cipressi, reso celebre dalla poesia di Giosuè Carducci “Davanti San Guido”. Ci imbattiamo subito nell’incantevole borgo di San Guido, dove ha sede La Strada del Vino e dell’Olio Costa degli Etruschi (Consorzio Strada Del Vino Costa Degli Etruschi‎ 50, San Guido-Bolgheri, Castagneto Carducci, LI- 57022, 0565 749768 lastradadelvino.com‎), un consorzio composto da produttori di vino, di olio, di prodotti tipici, da strutture ricettive e da Enti Pubblici con lo scopo di promuovere le tipicità locali, il territorio e l'accoglienza turistica. Il Viale, orlato da due file di cipressi secolari e lungo quasi sei chilometri, conduce al borgo di Bolgheri cui si accede attraverso l’arco che si erge all’entrata dell’antico Castello di Bolgheri‎ (Via Lauretta, 7 - 57022 Bolgheri LI, 0565 762110).
Bolgheri è un piccolo gioiello incastonato tra il verde della campagna circostante e l’azzurro del mare. Le case in pietra fanno da cornice ai caratteristici locali che propongono piatti della cucina tipica in abbinamento agli eccellenti vini del territorio. Dopo due passi nel borgo si può riprendere il viaggio percorrendo la Strada del Vino che si snoda lungo la Via Bolgherese e le sue stradine parallele. Ci troviamo nel cuore vitivinicolo di questa terra dalla quale provengono le uve che danno vita ai vini che hanno reso famosa questa parte di Toscana nel mondo.
Nelle numerose cantine della zona sarà possibile degustare un calice di vino immergendosi completamente nei profumi e nei sapori di questo luogo. Proseguendo sulla Via Bolgherese troverete una di seguito all’altra Giovanni Chiappini (Felciaino-Bolgheri 189/B Bolgheri, Castagneto Carducci LI, 0565 765201 giovannichiappini.it‎), Poggio al Tesoro (Società Agricola Tenuta Poggio Al Tesoro S.R.L.‎ Via Bolgherese Livorno 0565 765245 poggioaltesoro.it‎), Eucaliptus (Agriturismo Eucaliptus‎ Via Bolgherese 275/a 57022 Bolgheri Loc. Magazzino LI 0565 763511 agriturismoeucaliptus.com)‎ e Tenuta Di Vaira (Tenuta Di Vaira‎ Via Bolgherese Livorno 0565 763581 tenutadivaira.com‎). Sarete abbracciati dalle colline, sulle quali spicca Castiglioncello di Bolgheri, dove è stato prodotto per la prima volta il celebre Sassicaia, e la vista si perderà nella regolarità dei filari di vigne che attraversano la pianura fino al mare. Alla fine della Bolgherese si inizia a salire verso Castagneto Carducci, borgo medievale che domina la vallata e dal quale si può ammirare un incantevole panorama della campagna circostante fino al mare. Le stradine lastricate portano al punto più alto dove troneggia il castello. Nel paese non mancano ristoranti, osterie ed enoteche dove è possibile assaporare i piatti della tradizione culinaria della zona, legata soprattutto ai prodotti della terra e della caccia. Scendendo dal paese e proseguendo in direzione di Sassetta prendiamo la strada verso la Torre di Segalari e procediamo seguendo le indicazioni prima per Mulini di Segalari e poi per Poggio ai Tramonti.
Per chi ama i prodotti del mare può scendere a Marina di Castagneto dove si potrà assaporare pesce fresco in abbinamento con all’ottimo vermentino prodotto nella zona, sul mare godendoci allo stesso tempo uno dei tramonti più belli della costa livornese.

Itinerario naturalistico – storico

Il territorio presenta paesaggi di grande suggestione modellati dalla presenza dell’uomo fin dall’antichità, dove la natura non è solo una cornice, ma l'essenza stessa di questa terra dove sono presenti pinete, boschi ed una campagna ricca di colori. Il punto di partenza è il Rifugio Faunistico di Bolgheri (Oasi di Bolgheri‎, Strada provinciale vecchia Aurelia, 57022 Castagneto Carducci LI), prima Oasi WWF istituita in Italia, zona umida di importanza internazionale, popolata, da novembre a maggio, da migliaia di uccelli acquatici. E’ possibile apprezzare la bellezza del rifugio sostando nei capanni e percorrendo i camminamenti costruiti sulle acque.
Dopo la visita tra la vegetazione dell’Oasi, dalla Vecchia Aurelia, proseguiamo in direzione Donoratico. Dopo pochi chilometri girando in Via della Ferruggini troviamo le aziende vitivinicole Campo al Noce (Azienda Agricola Campo al Noce‎, Campo al Noce 151, 57022 Bolgheri LI, 380 251 9233, campoalnoce.it‎,), Casa di Terra (Fattoria Casa di Terra‎, Le Ferruggini 162/A, Bolgheri - 57020 Castagneto Carducci LI, 0565 749810. fattoriacasaditerra.com‎) e Terre del Marchesato (Fattoria Terre del Marchesato‎, Sant’Uberto 164, Bolgheri, Castagneto Carducci LI, 0565 749752 terredelmarchesato.com‎). Continuiamo il percorso sulla Vecchia Aurelia ed incontriamo le prestigiose Donna Olimpia 1898 (Migliarini 142, 57022 Bolgheri) e Guado al Tasso (Tenuta Guado al Tasso - Antinori‎, Belvedere, Bolgheri 57020 Castagneto Carducci, 0565 749735, antinori.it‎.).
Proseguiamo per dirigersi a Marina di Castagneto, una delle località più conosciute e frequentate della Costa degli Etruschi, dotata di strutture ricettive e di divertimenti, ma soprattutto di una spiaggia, ampia e sabbiosa, e di una folta pineta dove sarà possibile stare all’aperto camminando, o andando in bicicletta ed a cavallo. In seguito ad un bagno ristoratore nelle acque marine fregiate da anni della Bandiera Blu, possiamo procedere verso il borgo di Castagneto Carduccci. Procediamo dalla SP 329, prima di giungere al paese facciamo tappa da Ceralti (Azienda agricola Ceralti‎, Strada Comunale dei Ceralti 77, 57022, Donoratico LI, 339 610 3865, ceralti.com)‎ e Cipriana (Agriturismo La Cipriana‎,  Castagneto Carducci LI, 0565 775568, lacipriana.com‎), i quali vi accoglieranno per farvi assaggiare un calice del loro nettare. Salendo sono visibili i ruderi della Torre di Donoratico circondata dai resti delle due cinte murarie che l'avvolgevano, dalle fondamenta dell'antica chiesa castrense e altri edifici venuti recentemente alla luce è ciò che resta dell'antico castello costruito dai Conti di Donoratico, i Della Gherardesca. La leggenda, avvalorata da Dante Alighieri nella Divina Commedia, narra che abitò qui anche il noto Conte Ugolino che a Pisa fu fatto morire di fame con i figli e i nipoti.
Arrivando a Castagneto Carducci dalla sommità di una collina che domina la campagna è possibile ammirare uno splendido paesaggio. Castagneto è uno splendido borgo medievale che si sviluppa intorno al Castello della Gherardesca, edificato intorno all'anno 1000, così come il centro urbano secondo uno schema di anelli concentrici che danno vita ad un sistema di strade, vicoli e piazzette molto caratteristici. Di particolare interesse: il Castello della Gherardesca, la Propositura di San Lorenzo, la Chiesa del S.S. Crocifisso, la Chiesa della Madonna del Carmine, il Centro Carducciano Museo Archivio e il panoramico Piazzale Belvedere. Scendendo dal paese possiamo bere un calice di ottimo Vermentino nelle aziende Micheletti Wine (Enio Micheletti - Enrica Benucci, Loc. Marcaccio, 58, 57022 - Castagneto Carducci) e Fabio Motta (Vigna al Cavaliere, 61, 57022 - Castagneto Carducci).

Link utili

Comune di Castagneto Carducci

La Strada del Vino e dell'Olio Costa degli Etruschi 

Costa degli Etruschi 

Castagneto Carducci 

In allegato, l'elenco completo delle eccellenze gastronomiche e ricettive che potete trovare a Castagneto Carducci e dintorni.

A fondo pagina, una piccola gallery che illustra le eccellenze di Castagneto Carducci e dintorni.

Vertourmer 2.0

La seconda edizione del progetto di cooperazione territoriale transfrontaliera Ver.Tour.Mer, finanziato dal P.O Italia-Francia Marittimo 2007-2013 della Comunità Europea, si caratterizza per la forte componente di innovazione tecnologica, volta ad allargare l'orizzonte del marketing territoriale attraverso l'utilizzo di tecnologie informatiche innovative che valorizzino la produzione delle eccellenze dei territori, non solo vitivinicole ma anche eno-gastronomiche.

        

        

Log In or Register